È iniziato a prendere un abbonamento pedaggio Tornare lì o eri
La nostra Rete

Il Posto di comando SIERRA: al cuore della sicurezza

Situato nell’area HQE® di Bonneville, il nuovo posto di comando del traffico sarà dotato di un nuovo sistema informatico di aiuto per la gestione, denominato SIERRA II. Questo nuovo sistema informatico rende possibile il comando centralizzato di tutte le attrezzature di sicurezza distribuite sulla rete (telecamere, contatori a spire, stazioni meteo, rilevamento automatico degli incidenti…). Offre quindi un prezioso aiuto agli operatori che monitorano il traffico e le condizioni della rete, attivano i soccorsi, rispondono alle chiamate di emergenza e informano i conducenti. Una parete di immagini composta da sedici schermi e da un’unità di visualizzazione 2 x 2 m permettono ai 14 operatori, che si alternano 24/24, di essere informati in tempo reale e di poter agire subito se necessario.

La Galleria del Vuache:

Situata sull’Autoroute Blanche (A40) tra Bellegarde (Ain) e Saint-Julien- en-Genevois (Alta Savoia), la Galleria del Vuache è composta da due tubi lunghi 1.400 metri, uno per ogni senso di marcia. Ognuna di queste opere è dotata di due corsie e accoglie un traffico medio di circa 9.000 veicoli al giorno e per senso di marcia. È dotata di 46 ventilatori, ciascuno con un peso di 1,1 tonnellate e con un diametro di 1,5 metri. Entrata in servizio nel 1982, la galleria è stata oggetto di successive ristrutturazioni per diventare oggi un riferimento in materia di sicurezza. È collegata al PC Traffico SIERRA ed è dotata di un sistema di rilevamento automatico degli incidenti, di 26 telecamere, 46 ventilatori con sensori e 12 opacimetri (rilevatori di fumo)…

Investimenti continui per garantire la sicurezza, accogliere e tutelare l’ambiente.

Le aree di sosta e di servizio: rinnovo e ingrandimento

La maggior parte delle aree di sosta dell’Autoroute Blanche (A40) hanno già beneficiato di un ambizioso programma di rinnovo e di ammodernamento con una migliore tutela dell’ambiente . Le altre aree di sosta ne beneficeranno prossimamente. Nuove attrezzature e sistemazioni migliorano il servizio offerto ai clienti e favoriscono il riposo e la convivialità: connessioni wi-fi, colonnine di ricarica per veicoli elettrici, attrezzature per scarico camper, spazi ricreativi, ecc. Particolare attenzione è stata riservata alla sicurezza e al comfort dei pedoni. Inoltre, per favorire l'accesso dei disabili, sono state rimosse le rampe superiori al 4%, nonché i bordi per marciapiede di oltre 2 cm di altezza.

L’area HQE® di Bonneville: una novità!

Per preservare l’ambiente eccezionale nel quale opera, la società ATMB introduce un approccio ambientale volontario. Il progetto di costruzione di un centro di manutenzione e di un PC traffico autostradale Haute Qualité Environnementale® (Alta Qualità Ambientale) a Bonneville (Alta Savoia) è nato proprio in questo ambito. Si tratta di una novità in Francia. Il progetto ruota attorno a tre assi principali: l’ottimizzazione della gestione dell’acqua (il recupero delle acque piovane garantisce il 100% dei bisogni per il lavaggio dei veicoli di servizio), dell’energia (uso di legna per il riscaldamento) e dei rifiuti (smaltimento e termovalorizzazione). Il centro è entrato in servizio nel 2016.

Il viadotto di Bellegarde: verso una diminuzione della frequenza dei cantieri

Entrato in servizio nel 1982, il viadotto di Bellegarde, alto 62 m, è costituito da due travate che attraversano il Rodano per 1 km. Negli ultimi anni, è stato oggetto di un vasto programma di rinnovo, per rinnovare i guardrail e rinforzare la sua struttura grazie alla posa in opera di cavi di precompressione. Inoltre, la posa in opera di una tenuta e di una nuova carreggiata specifica offre all’opera una resistenza di gran lunga superiore ai successivi episodi di gelo e di disgelo. Questi investimenti hanno lo scopo di ridurre la frequenza dei cantieri su quest’opera nei prossimi anni.

La «copertura» des Egratz: un tour de force al servizio della sicurezza

Per proteggere la carreggiata dalla caduta di massi nella discesa des Egratz, sulla Route Blanche (RN205), ATMB ha realizzato un tour de force: costruire una «copertura» di cemento lunga 110 m sopra le due corsie. Questa struttura poggia sulla parete rocciosa grazie a 66 barre di sostegno da 80 tonnellate. 20.000 m2 di recinzioni e di schermi di protezione dai massi completano questo dispositivo. Sono stati necessari tre anni per portare a termine questo cantiere eccezionale.